I fumi di ammoniaca sono pericolosi?

Se un amico ti bendasse e ti soffiasse addosso l’odore dell’ammoniaca contenuta in una bottiglia, la tua immediata e istintiva reazione sarebbe quella di arretrare immediatamente, come se toccassi una stufa calda.

In una stalla questo odore è usuale, tipico, e per alcuni di noi è quasi un invito a entrare per incontrare il nostro amato Cavallo.

Di fatto, questo dimostra che la risposta all’odore dell’ammoniaca varia a seconda delle situazioni e, non un segreto, per amore dei nostri Cavalli siamo capaci di ignorare pericolose minacce.

L’unica domanda da porci, a questo punto, è: l’odore di ammoniaca è una minaccia per noi e per i nostri Cavalli?

Spoiler: non dare la colpa all’urina del tuo Cavallo perché è priva di ammoniaca! Non ci credi…?

La nostra reazione all’odore di ammoniaca è più lieve quando ci troviamo in un ambiente popolato da Cavalli per due semplici ragioni:

non ne siamo sorpresi, anzi diamo per scontata la sua presenza;

associamo questo odore ai meravigliosi sentimenti positivi che i nostri Cavalli ci fanno vivere.

Torniamo al vero problema. I fumi d’ammoniaca sono pericolosi?

Diamo un’occhiata più da vicino al gas stesso, cos’è l’ammoniaca?

L’ammoniaca (NH3) è un gas caustico riconosciuto dalle istituzioni e nelle pubblicazioni scientifiche, come un “forte irritante” anche a piccole dosi e a concentrazioni relativamente basse.

Il più delle volte, l’ammoniaca irrita tessuti vulnerabili come pelle, occhi, naso, sistema respiratorio e polmoni.

L’effetto può variare da un disagio reversibile di breve durata, a gravi effetti sulla salute di tipo cronico, irreversibile e, talvolta, letale.

Quanta ammoniaca è troppa?

Il riferimento standard che fissa i limiti di sicurezza per l’esposizione a gas nocivi, inclusa l’ammoniaca, è il livello della linea guida per l’esposizione acuta, o AEGL.

Esistono tre livelli di esposizione AEGL, ciascuno suddiviso in cinque periodi di esposizione: 10 minuti, 30 minuti, un’ora, quattro ore e otto ore. Più forte è l’ammoniaca, più breve è il tempo di esposizione che può causare lesioni irreversibili.

Abbiamo misurato i livelli di ammoniaca per sei anni consecutivi in diverse strutture d’alta fascia.

Ovunque i livelli di ammoniaca all’interno delle stalle variavano da 80 a 450 ppm (parti per milione) quando misurati entro 30 centimetri dal pavimento della stalla.

Le ventole installate nei box e negli altri ambienti non hanno avuto un effetto significativo sui livelli di ammoniaca.

Anche a un metro e mezzo da terra (all’incirca nella portata del naso umano medio), i livelli di ammoniaca nelle stalle variavano da 10 a 50 ppm.

In sintesi:

– i livelli di ammoniaca erano al di sotto della soglia AEGL-1 (massimo 30ppm), considerata non pericolosa, solamente nei corridoi delle strutture;

in molti box, si sono registrati livelli pari a AEGL-3, quindi, potenzialmente letali.

Tale livello, infatti, è rappresentato da un’esposizione di 390 ppm per otto ore. È quindi stato abbondantemente superato nelle tante stalle dove abbiamo registrato livelli pari a 450 ppm a 30 centimetri dal suolo.

Considera ora che molti Cavalli trascorrono molto più di otto ore nella loro stalla ogni giorno.

Il rischio a lesione agli occhi, alla pelle e alle vie respiratorie è reale!

Ciò non significa che ogni Cavallo esposto a questi alti livelli di ammoniaca rischia conseguenze letali ma sicuramente il suo futuro di atleta e, in generale, la sua qualità di vita possono essere gravemente compromessi.

Da dove arriva tutta questa ammoniaca nella stalla del tuo Cavallo?

Sfatiamo subito un mito: l’urina del tuo Cavallo non contiene ammoniaca!

La sua, urina, però, contiene un sottoprodotto della sua digestione detto “urea”, assolutamente inodore. L’ammoniaca si forma dalla scomposizione dell’urea a opera di batteri che ne nutriscono.

A complicare questa indagine, interviene un altro fattore: l’urina del tuo Cavallo, se sano, è sterile, non contiene i batteri in questione.

Quindi, da dove arrivano questi batteri?

Essi sono abbondanti in molti substrati del terreno. Se l’urea è regolarmente disponibile, la loro popolazione, anche se inizialmente piccola, esplode presto e, di conseguenza, il livello di ammoniaca nella stalla si intensifica esponenzialmente con ogni nuovo “arrivo” di cibo ricco di urea (l’urina del tuo cavallo).

Come evitare la formazione dell’ammoniaca nella stalla del tuo Cavallo?

Facciamo prima qualche calcolo.

Il volume tipico di urina che il tuo Cavallo espelle in una singola minzione varia da 1,8 litri a più di 3 litri. Moltiplica questo volume per tutte le volte che il tuo Cavallo urina dentro la stalla.

Bene, non esiste lettiera al mondo capace di assorbire questi volumi.

Non quelle in argilla, non quelle di sabbia, non quelle di ghiaia, non quelle di cemento poroso, non i tappetini in gomma.

In più:

– quando rimuovi la lettiera sporca, puoi dirti certo di aver rimosso il 100% dell’urina presente nella stalla?

– il pavimento sotto la lettiera è poroso e, quindi, può assorbire dell’urina?

Il problema, capisci, è piuttosto complesso e per essere risolto occorre una soluzione capace di garantirti:

– massima impermeabilità;

zero vie di fuga per l’urina;

facilità di pulizia;

comodità per il tuo Cavallo.

Nella costruzione delle stalle è, quindi, fondamentale:

  1. progettare pavimenti non porosi;
  2. utilizzare tappeti di gomma che coprono l’intera superfice e che devono essere ben aderenti alle pareti, in modo da sigillare l’intera area;
  3. evitare materassini in piccole sezioni che si incastrano come i pezzi di un puzzle: non possono garantirti l’impermeabilità necessaria.

La soluzione, 13 anni dopo il libro “How To Be The Perfect Horsekeeper”.

Nel suo libro, pubblicato nel 2005, Karen E. N. Hayes, Veterinaria e autrice pluripremiata di cinque libri per la cura dei Cavalli e di centinaia di articoli in riviste come Equus e Horse & Rider, ha indicato quelle che, secondo lei, erano i migliori sistemi al mondo:

– Lap-N-Lock al primo posto;

– ComfortStall al terzo posto.

A distanza di 13 anni, abbiamo chiesto all’autrice, un vero punto di riferimento per la comunità mondiale degli amanti dei Cavalli, se avesse cambiato la sua opinione.

Bene, il sistema Lap-N-Lock non ha retto il confronto con il sistema ComfortStall, né per la lotta ai fumi di ammoniaca né per garantire il massimo comfort ai Cavalli.

ComfortStall, dice l’autrice, rimane morbido, simile all’erba, fornisce il miglior supporto allo zoccolo e garantisce il massimo dell’impermeabilità, della resistenza e della facilità di pulizia.

Inoltre, a differenza dei pannelli Lap-N-Lock, ComfortStall è estremamente facile da installare.

Sentita l’esperta, a questo punto, non rimane che incoronare ComfortStall di Haygain il miglior sistema di pavimentazione per stalle al mondo: durevole, comodo e una vera sicurezza contro il problema dei fumi d’ammoniaca.

——————————————————————————–

Se vuoi scoprire le caratteristiche dei sistemi ComfortStall, clicca il pulsante in basso.

È ora di risolvere per sempre il problema dei fumi di ammoniaca.