Idratazione e foraggio

Per un cavallo, la disidratazione può influire negativamente sia sulla salute che sulle prestazioni. Il dottor David Marlin ci fornisce i dati sul legame tra idratazione e foraggio.

Dott. David Marlin, Scienziato e scrittore

cavallo che beve idratazione cavallo foraggio salute cavallo haygain harrison horse care blog

L’acqua è davvero incredibile

È l’unica sostanza sulla superficie terrestre che esiste allo stato solido, liquido e gassoso. Circa il 97% dell’acqua sulla terra si trova negli oceani (326.000.000 di miglia cubiche) e solo lo 0,3% è accessibile per essere bevuta; circa 1/10 dell’acqua che non è di mare. L’acqua pura è talvolta indicata come solvente universale, in quanto dissolve più elementi di qualsiasi altra sostanza.  L’acqua pura è anche incolore, inodore e insapore.

L’acqua che beviamo oggi è la stessa che esisteva sul pianeta quando la vita è iniziata, ed è la stessa che bevevano i dinosauri. L’acqua viene continuamente riciclata. Tutti sappiamo quanto l’acqua sia importante per la sopravvivenza. Senz’acqua, possiamo sopravvivere circa 3 giorni, anche se alcune persone sono riuscite a resistere fino a 10 giorni. Possiamo stare molto più a lungo senza cibo; ovunque da 2 a 4 settimane. Se una persona, durante l’esercizio fisico, perdesse il 5% del suo peso corporeo sotto forma di sudore, si troverebbe in difficoltà. Per un cavallo, questa quantità di disidratazione è ben tollerata. I cavalli sembrano essere particolarmente resistenti alla disidratazione, molto probabilmente a causa del loro intestino caudale che trattiene molta acqua.

La disidratazione può influire negativamente sia sulla salute che sulle prestazioni, che iniziano ad essere influenzate con una perdita di circa il 5% (25 kg in un cavallo di 500 kg). È interessante notare che una diminuzione del peso corporeo fino al 3% è associata ad un miglioramento delle prestazioni. La disidratazione può peggiorare le malattie respiratorie come l’IAD, in particolare nei cavalli con patologie croniche come l’asma equina. Come se non bastasse, la disidratazione porta ad un ispessimento del muco e ad una riduzione della distanza dalle vie respiratorie.

Durante il trasporto in viaggi più lunghi (oltre le 10 ore) la disidratazione aumenta anche il rischio di “febbre da trasporto” (polmonite). Questo perché la posizione elevata della testa e la ridotta qualità dell’aria, combinata con l’ispessimento del muco e la soppressione immunitaria, porta alla rapida crescita di batteri patogeni (che causano malattie) che normalmente vivono nelle vie aeree dei cavalli.

Un cavallo di 500 kg contiene circa 300 litri d’acqua. Di questi, 100 litri sono all’esterno delle cellule del corpo e 200 litri si trovano all’interno delle cellule. Dei 100 litri all’esterno delle cellule, 50 litri sono nel tratto gastrointestinale, 40 litri sono in circolazione e i rimanenti 10 litri si trovano tra le cellule o nel sistema linfatico.

Sorprendentemente, i polmoni sono composti al 90% da acqua, il sangue ne contiene all’80%,  e il cervello al 70% circa. Anche le ossa contengono il 40% di acqua! Il cavallo incorpora l’acqua bevendo, ma anche attraverso l’acqua immagazzinata nei mangimi e nei foraggi; allo stesso tempo, l’acqua si perde nelle urine e nelle feci, nell’alito e nel sudore. La quantità d’acqua che può essere persa nelle feci spesso è sottovalutata, infatti le feci sono di solito composte per l’80-90% di acqua. Un po’ d’acqua viene persa ogni giorno attraverso la pelle, anche quando il cavallo non suda. Concludendo, il 45% dell’acqua persa ogni giorno sarà nelle feci,  il 30% nel sudore, nel respiro e nella pelle,  e solo il 25% nelle urine.

Diversi fattori influenzano la quantità di acqua che un cavallo beve ogni giorno. Tra questi troviamo il tipo di foraggio e di alimentazione, l’assunzione di proteine, l’esercizio fisico, il trasporto, lo stress, l’ambiente termico, la qualità dell’acqua, l’assunzione di elettroliti, lo stato riproduttivo, l’allattamento, la diarrea, la salute e il comportamento. Alcuni farmaci possono aumentare l’assunzione di acqua, compresi i diuretici (farmaci che aumentano la produzione di urina, ad esempio la furosemide) e i glucocorticoidi (ad esempio il prednisone). Un normale apporto d’acqua medio sarebbe di circa il 5% del peso corporeo al giorno – 25 litri per un cavallo di 500 kg.

La quantità d’acqua che un cavallo beve è fortemente influenzata dal tipo di foraggio somministrato. Un cavallo al pascolo 24 ore su 24, 7 giorni su 7, potrebbe ricevere 50 litri d’acqua dall’erba, poiché l’erba è povera di sostanza secca e ricca d’acqua e i cavalli possono così bere pochissima acqua da secchi o abbeveratoi. Lo stesso cavallo che mangia il fieno o fieno-silo potrebbe ottenere solo 20 litri d’acqua, poiché il fieno ha un contenuto di materia secca più alto rispetto all’erba da pascolo, e quindi è naturale aspettarsi una maggiore assunzione di acqua. Infine, se stiamo alimentando solo fieno, allora il  cavallo potrebbe ottenere solo 5 litri d’acqua al giorno dal fieno: in questo caso, ci aspetteremmo di trovarli a bere 20-30 litri d’acqua dall’abbeveratoio.

Anche il clima ha un forte impatto sul consumo di acqua. Tenendo conto delle differenze nella dieta, un cavallo che lavora in condizioni di lavoro leggero con un clima fresco può bere 20 litri al giorno, mentre lo stesso cavallo che lavora sodo con un clima caldo può raggiungere i 50 litri al giorno. L’aggiunta di elettroliti alla dieta dei cavalli aumenta anche l’assunzione di acqua, e questi sono spesso usati per i cavalli sono soggetti a coliche da impatto, per garantire che siano sempre idratati. Alcuni studi hanno dimostrato che il consumo d’acqua varia a seconda di come l’acqua viene presentata al cavallo,  riscontrando un consumo d’acqua minore in piccole ciotole rispetto a secchi o abbeveratoi.

La temperatura  può influenzare il consumo di acqua soprattutto in condizioni di freddo. I pony che vivono all’esterno a circa -5°C bevono il 40% in meno di acqua fredda a ~1-2°C rispetto all’acqua a 19°C. Tuttavia, quando all’interno a 15-29°C, i pony hanno bevuto quantità simili di acqua fredda e calda (23°C) (Kristula e McDonnell, 1994; McDonnell e Kristula, 1996). La risposta che segue l’esercizio sembra essere diversa. Nei primi 5 minuti dopo l’esercizio i cavalli hanno bevuto in media 10 litri d’acqua a 10°C, 12 litri a 20°C o 10 litri a 30°C. Tra i 20 e i 60 minuti di recupero i cavalli hanno bevuto: 10°C – 5 litri; 20°C 8 litri; 30°C – 7 litri. Durante l’intera ora dopo l’esercizio i cavalli hanno bevuto la maggior parte dell’acqua a 20°C (20 litri) rispetto ai 30°C (16 litri) o 10°C 15 litri (Butudom et al. 2004).

idratazione cavallo foraggio salute

Fieno in ammollo o purificato?

L’ammollo e la purificazione a vapore del fieno sono ottimi metodi per aumentare il contenuto d’acqua, contribuire a migliorare la qualità igienica e compensare la disidratazione. Naturalmente, la purificazione a vapore ha il vantaggio di essere molto più veloce e di mantenere la qualità nutrizionale del fieno. La quantità di acqua assorbita dipenderà dal contenuto d’acqua e dalla maturità del foraggio che viene messo a bagno o purificato a vapore. Earing et al. (2013) hanno scoperto che la purificazione a vapore ha aumentato il contenuto d’acqua di un fieno misto erba medica e ortica dall’8% al 23% (un aumento di quasi 3 volte). In un periodo di alimentazione di 2 ore, i cavalli hanno anche mangiato 4 volte più fieno purificato rispetto allo stesso fieno in ammollo. Di contro, l’ammollo per 15 o 60 minuti aumenta il contenuto d’acqua dal 9% a circa il 17-21%.

Può sembrare che alcuni cavalli possano bere più del previsto rispetto alla loro dieta, al livello di esercizio fisico e al clima, a causa di una serie di condizioni. Uno dei primi segni di Cushings (PPID) nei cavalli è un aumento dell’assunzione di acqua. Se notate che il vostro cavallo sta bevendo più del normale e se non ci sono stati cambiamenti nel carico di lavoro, nel tempo o nella dieta, allora sarebbe consigliabile contattare il veterinario. Come nelle persone, l’aumento del bere e della minzione può essere un segno di insufficienza renale, ma questo è raro nei cavalli. Infine, alcuni cavalli possono bere eccessivamente a causa della noia; questo è indicato come polidipsia psicogena. I cavalli con questa condizione sono relativamente facili da diagnosticare e avranno una bassa concentrazione di sodio plasmatico combinato con un’urina molto pallida (basso peso specifico dell’urina).

Punti chiave

  • I cavalli sani normali hanno un’ampia gamma di assunzione di acqua normale.
  • Il consumo di acqua è influenzato dal tipo di foraggio, dal tipo di alimentazione, dall’assunzione di proteine, dall’esercizio fisico, dal trasporto, dallo stress, dall’ambiente termico, dalla qualità dell’acqua, dall’assunzione di elettroliti, dallo stato riproduttivo, dall’allattamento, dalla diarrea, dalla salute, dai farmaci e dal comportamento.
  • Non limitare l’assunzione di acqua se non su consiglio del veterinario.
  • I cavalli possono essere lasciati bere fino al momento dell’esercizio fisico e subito dopo aver terminato l’esercizio senza effetti collaterali.
  • Il fieno purificato non è solo un buon modo per migliorare la qualità igienica e l’appetibilità, ma aumenta anche l’assunzione di acqua.
  • Benessere respiratorio
    haygain 2000 purificatore fieno shop harrison horse care

    Haygain

    Haygain 2000

    Purificatori Scuderia e Paddock

    2.875,00
  • Benessere respiratorio
    haygain 600 shop harrison horse care

    Haygain

    Haygain 600

    Purificatori Scuderia e Paddock

    1.895,00
  • Benessere respiratorio
    haygain one harrison horse care cover

    Haygain

    Haygain One

    Purificatori Scuderia e Paddock

    995,00

I nostri articoli sul benessere

respiratorio.

Jessica Springsteen purificatori fieno haygain harrison horse care blog

Jessica Springsteen ha scoperto i benefici dei purificatori di fieno

Leggi l'articolo
veterinario risponde perchè il cavallo tossisce harrison horse care blog

Il Veterinario risponde: Perché il tuo Cavallo tossisce?

Leggi l'articolo

Dicono di noi

Pagamenti sicuri

Pay Pal, Carta di Credito o Bonifico Bancario

Assistenza personalizzata

Possiamo aiutarti a trovare una risposta o metterti in contatto con il nostro team tecnico.

Prodotti di qualità

I prodotti delle nostre gamme sono frutto della nostra personale esperienza e selezione.

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e non perderti gli sconti esclusivi.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.
Caselle di spunta

Contattaci e ricevi assistenza per i tuoi acquisti

I nostri esperti ti assisteranno nella scelta e nell’acquisto dei prodotti
più adatti alle tue esigenze.